kraeuterkraft

🌸L’omeopatia funziona!🫧

Ciò che sappiamo da tempo finalmente viene riconosciuto scientificamente: l’UniversitĂ  di Berna ha pubblicato un’analisi completa degli studi disponibili sull’efficacia dei rimedi omeopatici. Il dottor E. S. Rajendran ha anche esaminato i rimedi omeopatici al microscopio elettronico ed è stato in grado di rilevare principi attivi nano molecolari fino a potenze omeopatiche elevate.

Per ottenere un’efficacia mirata, è fondamentale trovare il rimedio omeopatico giusto e utilizzarlo correttamente. A tal fine, è necessario osservare alcune leggi fondamentali, studiarle e prendere in considerazione li principi di base dei rispettivi rimedi omeopatici.

Per farlo, è necessario comprendere i fondamenti dell’omeopatia. Vorrei quindi approfondire con voi il lavoro del fondatore dell’omeopatia, perchĂ© solo se si comprende come il medico, scrittore e traduttore tedesco C. F. Samuel Hahnemann scoprì l’omeopatia nel 1790-1796 si può capire come funziona. Hahnemann scrisse “l’ORGANON dell’Arte di Guarire”, la cui sesta edizione fu pubblicata nel 1842 e consiste in una prefazione, un’introduzione e 291 paragrafi in cui vengono presentati i principi della guarigione e dell’omeopatia.

 

La vita del fondatore dell’omeopatia

Samuel Hahnemann (* 1755 a Meissen – † 1843 a Parigi) è stato per tutta la vita uno spirito molto vigile e molto inquieto, la sua vita ha tutto quello che basterebbe per un film di Hollywood, non solo per gli 11 figli, i 22 traslochi e il secondo matrimonio con la trentaquattrenne francese Mèlanie all’etĂ  di 79 anni, ma soprattutto perchĂ© da figlio di un povero pittore di porcellane sassone divenne un medico in voga a Parigi. La sua esistenza fu caratterizzata da sconfitte, successi, ammirazione e ostilitĂ . Hahnemann completò gli studi di medicina nel 1779 e per tutta la vita cercò l’arte perfetta della guarigione.

 

La nascita dell’omeopatia

L’anno 1790 è indicato come la nascita dell’omeopatia, quando Hahnemann tradusse una farmacopea del medico scozzese William Cullen. In quest’opera lesse le modalitĂ  d’azione della corteccia velenosa di china, all’epoca il principale rimedio per la febbre intermittente. Hahnemann si procurò la corteccia di china e la prese “avvelenando” con questa medicina il suo organismo sano per vedere cosa avrebbe provocato in lui. In una nota a piè di pagina, la piĂą famosa nota a piè di pagina di tutta la storia della medicina fino ad oggi, Hahnemann registrò la sua esperienza e descrisse la prima sperimentazione di un farmaco omeopatico. L’omeopatia si basa su questi risultati di sperimentazione, che si manifestano quando una persona sana assume un rimedio.

 

Le cose simili si curano con cose simili

Hahnemann scoprì che le sostanze che scatenavano una malattia (= sintomi) in una persona sana, provocavano la guarigione nella persona malata con gli stessi sintomi. Il principio guida dell’omeopatia è quindi: Le cose simili si curano con cose simili – Simila similibus curentur! In omeopatia, quindi, tra tutti i rimedi testati e sperimentati sull’individuo sano, si seleziona quello i cui sintomi sono piĂą simili a quelli del paziente.

Il modo piĂą semplice per spiegare l’omeopatia si può dire che si tratta di una terapia-stimolo-risposta. La particolaritĂ  di questo metodo di guarigione è che adotta un approccio olistico e il nome della malattia non è importante quanto il riconoscimento dei sintomi nel loro insieme.

Furono così scoperti i primi due e piĂą importanti principi dell’omeopatia: la sperimentazione dei rimedi e il principio di similitudine. Tuttavia, per formulare l’omeopatia sono state necessarie molte altre esperienze, come la diluizione graduale e l’agitazione. Questo ci porta alle varie potenze, che svolgono un ruolo particolarmente importante nell’auto trattamento.

Leave a Reply